[]
[logo]  
[home page]Home   |    [preferiti]Preferiti   |    [evento]Segnala evento   |    [notizia]Segnala notizia
 
Home :: Città :: Storia :: La Loggia Municipale
La Loggia Municipale

Muniçipio più bel de mi a ‘sto mondo,
non ghe ne xe per arte e antichità.
Considerème pur, da çima a fondo,
sempre l’ocio contento aprovarà.
(Adelia Bon)

Il caratteristico municipio di Portogruaro dalle merlature ghibelline fu eretto in due diversi periodi. Di stile gotico, al pianterreno una grande sala detta Delle Colonne, mentre una scala esterna con parapetto porta alla sala consigliare.
La parte centrale, già detta Lugiia Comunis, fu edificata, secondo il Nicoletti, nel 1265. Qui si riunivano in assemblea generale i Portolani liberi e originari. Poi divenne la sede delle riunioni del Maggior Consiglio cui appartenevano quindici membri aristocratici di almeno 25 anni. Questi nominavano il Podestà. Nomina questa alquanto singolare per un comune, in quanto Portogruaro era l’unico comune ad avere il privilegio, concesso dal Vescovo Tisone da Camino, promotor della diocesi concordiese, il quale riservava per sé il diritto di conferma. La prima nomina del podestà risale al 4 ottobre 1256, anno in cui venne eretta la parte più antica del Palazzo Comunale.
Il 30 Novembre del 1300 vennero pubblicati gli Statuti di Portogruaro in Arengo dicti Portus, redatti dal vescovo Giacomo d’Ottonello d’Ungrispac, dal capitano Pietro II Squarra, dai consoli, Filippo di Lorenzaga, Pellusio Bugugnino, e Manfredo Monaie, dai rettori e dal Consiglio.
Durante il colpo di mano dei Bardi, nel 1371, la Casa Comunale fu incendiata e tra il 1372 e il 1380 venne eretta la nuova loggia con merlatura ghibellina, ammirabile tuttora.
Tra il 1512 e il 1543 (secondo lo storico A. Nodari) venivano edificate le due ali laterali, costruite con le pietre del vecchio castello, allora diroccato ed in stato di abbandono. Nel Palazzo Comunale aveva trovato residenza il Podestà, che dalla Dominante veniva ogni anno a regger la terra.
Il municipio subì alcune modifiche, restauri e ampliamenti, che si deducono osservando l’immobile, ma purtroppo non esistono documenti che ne attestino i cambiamenti.
Nel 1848 l’edificio venne, in parte, decorato in un “discutibile stile gotico”. Alcune modifiche vennero realizzate nel 1887, quando fu spostato il carcere dal piano terra della residenza comunale alla nuova sede in via Seminario.
Nel 1889 si procedette al restauro della facciata, riportandola così alla primitiva bellezza ed eleganza. Fu rifatto il soffitto, la palladiana al piano nobile con al centro incastonato lo stemma del comune. Nel 1965 venne nuovamente ristrutturato, le ali vennero allungate vero il fiume e rifatto il pavimento della Sala consigliare.

Diego Collovini

MAGAZINE    [separatore tab]    RUBRICHE    [separatore tab]    FORUM     [separatore tab]    
[Maggio/Giugno 2017]
PORTOGRUARO.NET
MAGAZINE
11.000 copie distribuite gratuitamente casa per casa e nei locali pubblici
 
[leggi ultimo numero] Leggi l'ultimo numero
[visualizza l'archivio] Visualizza l'archivio
[piano_editoriale] Piano editoriale
  LE NEWS PIÙ LETTE
  VIDEO: Festa della Repubblica ...
  UTILITÀ
LOGIN
Registrati  |  Password?
[separatore]

[facebook]
 

[separatore]

Seguici
su
[seguici su twitter] Diventa un
Fan su
[diventa un fan su facebook]

[separatore]

[]

[separatore]

[]

[separatore]

NEWSLETTER
Vuoi ricevere le nostre News anche senza essere registrato al sito? Iscriviti qui!
iscrivi    rimuovi

[separatore]

[British Institutes Portogruaro]

[separatore]

[layout]
© Portogruaro.Net by VISYSTEM Editore
Iscrizione Tribunale di Venezia n. 10 del 05/05/06 - Iscrizione al ROC n. 17423
}