[]
[logo]  
[home page]Home   |    [preferiti]Preferiti   |    [evento]Segnala evento   |    [notizia]Segnala notizia
 
[Bonus pubblicità 2020]
Home :: Rubriche :: DimensionEventi :: Cenerentola
DimensionEventi
Cenerentola
13-12-2015: Balletto di Mosca La Classique

Il pubblico già si accomoda in sala. Il sipario, sfiorato da  mille giochi di luce, somiglia ad un arazzo  del Settecento mentre s' apre su una casa signorile. Lei è li, china sul pavimento. Il suo volto e la sua esile figura son coperti dai cenci. Conosce perfettamente  quella dimora. Non passa giorno in cui non  spolveri  con dovizia ogni sua stanza seguendo un ritmo quasi ossessivo. Nessuno, però,  sembra notarla. Troppo occupate son le sue sorelle ad agghindarsi per il gran galà  della sera  ostentando stoffe, sete e  preziosi broccati. Accompagnate da musici e paggi con i violini tra le mani, provano e riprovano morbosamente entrate  e uscite. Paion  bambole da mettere in vetrina.  Sol quel  fuoco amico che scoppietta allegramente nel camino può forse comprender la tristezza del suo animo. Poi, una notte, proprio quando la ragazza sembra aver perso ogni speranza,  ecco che, come per magia,  l’intimità di quel fuocherello,  lascia spazio ad una porta ed una fata in bianche vesti la prende delicatamente per mano portandola con sé nel suo regno simile ad una grotta sottomarina coperta d'alghe, dove una miriade d' ancelle al suo servizio, trasformano la reginetta del focolare  in una bellissima principessa. Ed eccola Cenerentola giungere a palazzo accolta da alte colonne decorate  con sibille e puttini  ed avvolta in un candore quasi divino. Conquista tutti la bella giovinetta con la sua grazia e la sua leggiadria. Anche il re le viene incontro invitandola a ballare.  Ma lei ha occhi solo per quel giovane  gentile dal portamento fiero ed elegante che s'avvicina discretamente catturando la sua attenzione al primo sguardo.   Danzano insieme mentre gli altri fan lor corona e  i loro passi divengon la celebrazione della purezza e della gioia. Poi, all'improvviso, quei rintocchi. Quei dodici lentissimi rintocchi.  Nascon piano da quell'orologio come generati da una nera voragine  per scandir il tempo d'un sogno troppo presto infranto. Tutti si uniscon tra loro in un girotondo di corpi come per difendersi da un ineluttabile destino. Cenerentola  è scomparsa.  Di lei rimane soltanto quella scarpina di vetro. Il Principe la prende tra le mani e la osserva incuriosito, chiedendosi qual donna avrebbe mai potuto indossare una  così graziosa calzatura. Così, con il cuore traboccante di desiderio, decide di partire alla ricerca della fanciulla. Dopo aver percorso monti e valli in sella al suo bianco destriero, il giovane giunge finalmente in Spagna. Si sparge in fretta la notizia del suo arrivo e, nella terra dei ventagli e delle nacchere, non esiste donzella alcuna che non tenti d'ammaliarlo con ogni mezzo.  In Cina, poi, fan tutte a gara per accompagnarlo a  visitar templi, cupole e pagode in un tripudio di colori e disegni tipico di quei vasi disegnati con precisione e accuratezza dai più grandi ceramisti.  Ma quella scarpetta, degna dei più abili calzolai del regno, non appartiene a nessuna di loro. Affranto e sconsolato,  il giovane  sta per prendere la via del ritorno quando, un fulmineo incantesimo, rapisce i suoi sensi ed ecco la fata giunta per guidarlo fino alla casa di colei che, non credendo più nei sogni, è ormai tornata alla vita di sempre. Quanto è grande lo stupor del Principe nello scoprir che proprio quella piccola scarpa  è il perfetto ornamento per un piede così delicato! Prima che le sorelle s'accorgano di ciò che sta accadendo sotto i loro occhi, Cenerentola ed il suo amato si son lasciati  alle spalle quella casa piena di sofferenza e dolore per coronar finalmente  il loro sogno d'amore nell'antro abitato dalla lor benefattrice e, dopo aver danzato tra mille angeli bianchi,  eccoli contemplar in pace la meravigliosa festa per lor preparata. Venerdì 12 dicembre alle ore 21.00, al Teatro Russolo, in una scenografia da Mille e una notte, il Balletto di Mosca “La Classique”, diretto da Elik Melikov, una delle compagnie di danza classica più rinomate a livello europeo per la sua fedeltà alla tradizione della danse d'ècole, caratteristica del repertorio ottocentesco, presenta Cenerentola, una delle favole più popolari ed amate d'ogni popolo e nazione, nella versione nata dalla penna di Charles Perrault.  E, nella maestosa fierezza delle note di Sergej Prokofiev,  si può davvero percepir tutta l'emozion d'una giovane alla ricerca della propria identità e dell'amore  in una pièce ch’affascina ed appassiona l'intera platea.

E.T.

 

Inserisci un commento:
 
Nome:
Email:
Pubblica: Nome   Email
Oggetto:
Commento:
[codice di sicurezza]    
   
 
   
Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
I contributi che risulteranno in contrasto con detti principi non verranno pubblicati.
  VIDEO: A Portogruaro il 101° ...
  UTILITÀ
   PUBBLICITÀ


[separatore]

LOGIN
Registrati  |  Password?
[separatore]

[facebook]
 

[separatore]

Seguici
su
[seguici su twitter] Diventa un
Fan su
[diventa un fan su facebook]

[separatore]

[Mobilbagno Design - Pavimenti Ceramiche Arredamento]

[separatore]

[]

[separatore]

NEWSLETTER
Vuoi ricevere le nostre News anche senza essere registrato al sito? Iscriviti qui!
iscrivi    rimuovi

[separatore]

[]

[separatore]

[layout]
© Portogruaro.Net by VISYSTEM Editore
Iscrizione Tribunale di Venezia n. 10 del 05/05/06 - Iscrizione al ROC n. 17423