[]
[logo]  
[home page]Home   |    [preferiti]Preferiti   |    [evento]Segnala evento   |    [notizia]Segnala notizia
 
[Bonus pubblicità 2020]
Home :: Rubriche :: DimensionEventi :: LA CUISINE EXOTIQUE, WHAT’S THAT JAZZ? II
DimensionEventi
LA CUISINE EXOTIQUE, WHAT’S THAT JAZZ? II
31-08-2015: Babele, Festival Internazionale di Musica

Al secondo piano della Torre, nell’enorme biblioteca, troneggia  un elegante baule  intarsiato chiuso da un  lucchetto d’argento. È il dono recato dal Saldino a  Babele per sancir la pace definitiva dopo una guerra durata troppo tempo Al suo interno ricche sete e preziosi gioielli per vestir all’orientale ogni giovane del luogo.  Fuori dalla finestra, uno spicchio di luna sembra vegliare sul riposo di quel viandante dall’animo generoso, diretto in Palestina, giunto in città per trascorrere la notte. Uomini donne e bambini stanno seduti in silenzio attorno al magico forziere per ascoltar gli affascinanti racconti dei suoi viaggi divenuti  vere e proprie  favole musicali sulle note di  Maurice Ravel. Sembra proprio  giungere ai loro orecchi il flebile fruscio delle foglie boschive calpestate dal piccolo Pollicino che cerca invano la strada di casa, oppure il trillo di mille campanelli d’argento che li guida nel tortuoso cammino tra santuari e templi giapponesi per giungere alla pagodine dell’imperatrice attorniata dalle fedeli odalische, o, ancora, nelle grandi sale del palazzo de La Bella e la Bestia, dove l’amore incondizionato d’una fanciulla mostra, ad un uomo trasfigurato dal male, quel bene ch’egli non era più capace di vedere. Stando in piedi dietro la porta, non avevo perso un dettaglio  di quelle incredibili narrazioni. Così prendo il coraggio a due mani e decido di entrare per gustare pienamente quell’incontenibile fiume d’avventura. Ed ecco che le Variazioni su un tema slovacco per violoncello e pianoforte H 378  interpretate da Chiara Opalio (pianoforte) e Stefano Cerrato (violoncello) mi ricordano il vecchio Johannes, dal quale, un anno fa, avevo ascoltato quell’antica leggenda d’Ungheria, depositaria d’un’Innocenza ormai perduta. Ma il tempo del mito è ormai finito ed ora, il nostro compagno di viaggio ci conduce in cima alla torre in una piccola soffitta piena di polvere. Una nuvola di fumo ci avvolge da capo a piedi offuscando la vista e impedendoci di respirare. George Gershwin è seduto al pianoforte con l’immancabile sigaro toscano chiuso tra le labbra. Colto da un’improvvisa ispirazione, sta finendo di comporre la sua Rhapsody in blue.  Tutte le sue speranze sono riposte  in quel rapidissimo incalzar di ritmi e canzoni che si susseguono sui tasti. E, a secoli di distanza, il giovane pianista Alessandro Taverna,  sembra essere una cosa sola con quel compositore figlio d’ebrei, che nel 1928, all’età di quasi  trent’anni, decide di emigrare da New York a Parigi, in cerca di fortuna, portando con sé soltanto una valigia piena di sogni e un cuore animato dalla medesima inquietudine di chi è alla ricerca di una propria identità e un proprio posto nel mondo.  Non poteva certo immaginare che, di lì a poco, sarebbe divenuto il celeberrimo Americano a Parigi nonché l’emblema di quel crogiuolo di linguaggi musicali universalmente noto come jazz.  È una forza prorompente quella  generata da quel coloratissimo caleidoscopio sonoro, un’energia potentissima   che trova dimora   nel  delicato tocco  di Claude Debussy, ancora profumato di classicità,  per poi propagarsi come un virus tra i colori delle piantagioni di Plazuela con Souvenir de Puerto Rico, ed infine  esplodere nel lacerante grido di libertà di Erwin Schulhoff e nella contagiosa allegria di quel “tempo ridotto a brandelli” che porta il nome di ragtime.

E.T.

Inserisci un commento:
 
Nome:
Email:
Pubblica: Nome   Email
Oggetto:
Commento:
[codice di sicurezza]    
   
 
   
Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
I contributi che risulteranno in contrasto con detti principi non verranno pubblicati.
  VIDEO: A Portogruaro il 101° ...
  UTILITÀ
   PUBBLICITÀ


[separatore]

LOGIN
Registrati  |  Password?
[separatore]

[facebook]
 

[separatore]

Seguici
su
[seguici su twitter] Diventa un
Fan su
[diventa un fan su facebook]

[separatore]

[Mobilbagno Design - Pavimenti Ceramiche Arredamento]

[separatore]

[]

[separatore]

NEWSLETTER
Vuoi ricevere le nostre News anche senza essere registrato al sito? Iscriviti qui!
iscrivi    rimuovi

[separatore]

[]

[separatore]

[layout]
© Portogruaro.Net by VISYSTEM Editore
Iscrizione Tribunale di Venezia n. 10 del 05/05/06 - Iscrizione al ROC n. 17423