[logo]  
[home page]Home   |    [preferiti]Preferiti   |    [evento]Segnala evento   |    [notizia]Segnala notizia
 
[Bonus pubblicità 2020]
Home :: Rubriche :: DimensionEventi :: SCOPRIAMO IL TEATRO
DimensionEventi
SCOPRIAMO IL TEATRO
08-06-2015: Omaggio a Luigi Russolo

Tutto è ormai  pronto. I bambini hanno atteso per giorni e giorni questo momento e, adesso, sono davvero curiosi di sapere che cosa accade dietro quella porta.  Fuori, però, c’è ancora  quel cartello e quel messaggio, scritto a caratteri enormi, suona quasi come una minaccia:  IL TEATRO È CHIUSO SI PREGA DI BUSSARE TRE VOLTE! Come se non bastasse, quel custode dagli occhiali spessi e dall’aria impertinente (Alex Campagner),  proprio non sopporta l’idea di far entrare quei piccoli mocciosi che, a suo dire, non sanno far altro che sporcare le comode  poltrone del “suo” teatro. Solo l’inesauribile pazienza della signora delle pulizie (Eliana Gruarin) riesce a convincerlo e, così, dopo aver rispettato alla lettera quell’imperiosa richiesta,  i piccoli, ordinati in fila per due, possono finalmente varcare la soglia del Foyer della Magnolia, uno spazio ampio e luminoso con una grande magnolia nel mezzo, adibito a conferenze e concerti.  Quella mattina, infatti  uno degli artisti più famosi al mondo, il pianista Chupa Chupa, un vero fuoriclasse nell’esecuzione di scale e glissandi, è stato selezionato da un’esigente giuria tecnica   per tenere un importantissimo recital pianistico dedicato a loro. Alla fine dell’esibizione, dopo aver salutato il giovane interprete con un fiume di applausi, il piccolo pubblico si accomoda in silenzio nel Foyer  del Teatro per ascoltare il Direttore (Fabio Fiorellini Bernardis), un signore dal portamento fiero ed elegante che racconta, con stupore e meraviglia, la storia del grande Luigi Russolo. Eh sì, perché dovete sapere, che Luigi Russolo non era uno dei sette nani, come ritiene il signor custode che molto ama i fagioli preparati ad arte da sua cognata Cesira. Lui era uno scrittore, un poeta, un artista, un musicista, vissuto  proprio qui a Portogruaro nei primi anni del Novecento, quando Filippo Tommaso Marinetti stava scrivendo  quello che oggi tutti conosciamo come il Manifesto del Futurismo. Fu un tempo, il suo, pieno di ottimismo ed innovazione, nel quale, poco per volta, le carrozze lasciarono spazio alle automobili  e il duro lavoro nei campi venne sostituito dallo sferragliare degli  ingranaggi nelle fabbriche. E così, quell’uomo pieno di creatività ed immaginazione, fu colto da un’improvvisa ispirazione ed inventò alcuni strumenti musicali che, da quel momento in poi, sarebbero divenuti il simbolo  di un nuovo modo di fare musica: gli intonarumori. Quei curiosi marchingegni riuscivano a catturare qualsiasi rumore si potesse percepire camminando lungo i vicoli della città: dal tram che corre lungo un filo, fino al  treno a vapore che disegna nell’aria enormi nuvole bianche. Bastava schiacciare una leva per misurare la sua intensità e, come per magia,  quel rumore si trasformava  in suono. Ed ecco il signor Russolo girar per il mondo, in compagnia di gracidatori, ululatori e ronzatori con quei suoi occhi scuri e profondi pronti a coglier le meraviglie d’ogni paese e il cuore desideroso di suonar per ogni popolo e nazione.  Per questo la nostra Città ha voluto rendergli omaggio intitolandogli il  Teatro.  Ed ora, con la speranza che quell’antipatico custode, rinchiuso in biglietteria ci conceda un attimo di tregua, entriamo pure  in questo luogo magico,  fatto tutto di legno per assistere,  in silenzio, al piccolo spettacolo tenuto dalla signora delle pulizie, la quale, ogni giorno, durante le pause di lavoro, approfitta per sgattaiolare in sala e coltivare il suo sogno  d’attrice. In questa occasione potrete gustare le sue doti canore e drammaturgiche, in una veste del tutto nuova: Una camicia bianca, una lunga gonna ed un semplicissimo ombrello rosso, la trasformeranno, per voi, in una delle baby sitters più amate di tutti i tempi:  Mary Poppins che, con il suo Supercalifragilistichespiralidoso, riscuoterà,  sicuramente un successo strepitoso. Dopo questa indimenticabile filastrocca, Alice, la nostra scrupolosa bigliettaia  ci riporta indietro nel tempo fino alle remote origini della danza. L’arte ispirata dalla musa Tersicore, infatti, era già molto conosciuta presso i nostri più antichi progenitori per la sua straordinaria capacità di armonizzare corpo e spirito aiutando così le diverse tribù a celebrare le tappe più importanti della vita. Ma sarà nel 1700, nella lussuosa reggia di Versailles in Francia che la drammaturgia del corpo raggiungerà senza dubbio,  il suo apice. Pensate che solo i cortigiani potevano ballare, immaginando ed elaborando eleganti coreografie. Ma ecco le piccole allieve della scuola Arte Danza di Portogruaro, volteggiar sul palcoscenico con i loro tutù verdi e bianchi come spumose onde marine, per narrarvi le favolose avventure della principessa Medora e del suo amato, il principe Konrad.  Il palcoscenico, però,  è anche il regno della musica e della recitazione e i delicati accordi arpeggiati sulla chitarra da Alessandro, allievo della Scuola di Musica della Fondazione Musicale Santa Cecilia, assomigliano molto ad una serenata piena di ricordi. “Ma, a proposito di recitazione, dov’è finito il nostro attore? Signor attore?... Signor attore?!... Non c’è!... Ma dove sarà finito!? Meglio andare a controllare! Signor attore?!...  Signor attore, guardi che tocca a lei!  Ah, Eccolo! Ma… Ha una scopa in mano e… vi dirò di più! Sembra proprio il custode che avevamo chiuso in biglietteria! Quel che è peggio è che pare davvero moooolto arrabbiato! “Dove siete finite, disgraziate? Pensavate di esservi liberate di me eh…? Dove siete che v’acchiappo subito!?” “Aiutoooo!!! Si salvi chi puòooo!!!” Cari piccoli spettatori, quello che, fino a poco fa, inseguiva la malcapitata signora delle pulizie, ero io, Alex Campagner, nei panni del custode del Teatro. Colei  che ha cercato di capire dove diavolo mi fossi cacciato, poi, non è la donna che, quotidianamente, lo rende lucido come uno specchio, bensì la Segretaria Artistica, Eliana Gruarin e, ciò che avete appena visto, è un simpatico esempio di drammatizzazione, una delle arti fondamentali del teatro. Per concludere con gioia la vostra visita non poteva certo mancare una rapida esplorazione dei camerini, dove gli attori si preparano per lo spettacolo, delle luci e di tutti quegli strumenti tecnici e scenici che rendono una serata a teatro assolutamente memorabile. Ringraziando tutti quelli che hanno reso possibile la realizzazione di questo evento, vi diamo appuntamento al prossimo anno!

E. T.

Inserisci un commento:
 
Nome:
Email:
Pubblica: Nome   Email
Oggetto:
Commento:
[codice di sicurezza]    
   
 
   
Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
I contributi che risulteranno in contrasto con detti principi non verranno pubblicati.
  VIDEO: A Portogruaro il 101° ...
  UTILITÀ
   PUBBLICITÀ


[separatore]

LOGIN
Registrati  |  Password?
[separatore]

[facebook]
 

[separatore]

Seguici
su
[seguici su twitter] Diventa un
Fan su
[diventa un fan su facebook]

[separatore]

[Mobilbagno Design - Pavimenti Ceramiche Arredamento]

[separatore]

[]

[separatore]

NEWSLETTER
Vuoi ricevere le nostre News anche senza essere registrato al sito? Iscriviti qui!
iscrivi    rimuovi

[separatore]

[]

[separatore]

[layout]
© Portogruaro.Net by VISYSTEM Editore
Iscrizione Tribunale di Venezia n. 10 del 05/05/06 - Iscrizione al ROC n. 17423