[logo]  
[home page]Home   |    [preferiti]Preferiti   |    [evento]Segnala evento   |    [notizia]Segnala notizia
 
[Bonus pubblicità 2020]
Home :: Rubriche :: DimensionEventi :: VIA CRUCIS, di Ferenc Liszt
DimensionEventi
VIA CRUCIS, di Ferenc Liszt
06-04-2015

L’ora è giunta. Note nere d’odio accompagnano la condanna di  quel Giusto senza colpa.  Quella notte, quando l’uomo ancora dormiva avvinto dalle tenebre della sua solitudine, Cristo conosceva la voce della profezia. Sapeva che solo il dono della sua vita sull’altare della Croce avrebbe potuto riconciliare l’uomo al suo Dio. Per questo Egli era venuto nel mondo. L’aveva capito fin dal principio. Aveva capito  fin dal principio che la sua vita sarebbe stata diversa. Perciò, ancora bambino, dovette silenziosamente  congedarsi dai suoi simili per divenire soltanto figlio di lei, di quella casta vergine che poco parlava e moltissimo pregava in silenzio. Ma ora, per onorare Giuseppe,  quel capo insanguinato straziato e deriso, cinto per scherno da una corona di spine, ha scelto il  legno per morire. Non sente più il dolore dei chiodi. Non sente più l’anima che si libera dal sangue. Lo volevano morto. Lo volevano spento. Lo volevano tragicamente offeso. Ce l’avevano fatta. Ma adesso, adesso che tutto è compiuto, il buio della morte non cade su di lui ma sugli uomini che l’hanno crocifisso. Ed ecco il Padre amorevole correre in aiuto del Figlio squarciando tutte le nuvole e facendo piovere dal cielo quella manciata di rose che noi umani chiamiamo cristianesimo. Sua Madre sta li, sotto la Croce. Sta lì, assorta nei suoi pensieri, come in quel pomeriggio assolato di primavera, quando l’Angelo le rivolse quelle sue delicate parole: “Ti saluto o piena di grazia il Signore è con te”. È ormai lontano quel giorno. È ormai lontano   quell’annuncio. È ormai lontano quel canto di lode con cui, quella piccola donna d’Israele, magnificava l’Autore della Vita. Ora, quel Figlio morente, che fa nuove tutte le cose, le stava lasciando Giovanni. In lui ella rivedrà quella palma di speranza che era stato il Figlio. Con lui potrà ricordare i suoi giochi, la sua innocenza. Per lui ella sarà madre d’ogni uomo e madre di tutta la Chiesa, in quell’eterno vincolo d’amore che non si spezzerà più. Domenica 29 marzo 2015, alle ore 16.00 presso la Chiesa di Sant’Agnese a Portogruaro, il mistero della morte di Gesù rifulge  nella pura essenzialità melodica di Ferenc Liszt, nelle toccanti parole del Poema della Croce di Alda Merini, e nelle armoniche voci del Coro La Martinella, diretto dal M° Alessandro Maurutto e accompagnato al pianoforte da Francesca Sperandeo. E noi, che  queste note abbiamo ascoltato, restiamo saldi nelle nostre azioni, in attesa del nuovo mattino, certi che ciò che L’Unico ha deciso, è, e sarà sempre il meglio. A tutti voi, cari lettori, Buona Pasqua!

E.T.

Inserisci un commento:
 
Nome:
Email:
Pubblica: Nome   Email
Oggetto:
Commento:
[codice di sicurezza]    
   
 
   
Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
I contributi che risulteranno in contrasto con detti principi non verranno pubblicati.
  VIDEO: Santandrea ha presentat...
  UTILITÀ
   PUBBLICITÀ


[separatore]

LOGIN
Registrati  |  Password?
[separatore]

[facebook]
 

[separatore]

Seguici
su
[seguici su twitter] Diventa un
Fan su
[diventa un fan su facebook]

[separatore]

[Mobilbagno Design - Pavimenti Ceramiche Arredamento]

[separatore]

[]

[separatore]

NEWSLETTER
Vuoi ricevere le nostre News anche senza essere registrato al sito? Iscriviti qui!
iscrivi    rimuovi

[separatore]

[]

[separatore]

[layout]
© Portogruaro.Net by VISYSTEM Editore
Iscrizione Tribunale di Venezia n. 10 del 05/05/06 - Iscrizione al ROC n. 17423