[Gruppo EcoCasa]
[logo]  
[home page]Home   |    [preferiti]Preferiti   |    [evento]Segnala evento   |    [notizia]Segnala notizia
 
Home :: Rubriche :: DimensionEventi :: I testamenti: Herbert Schuch, pianoforte
DimensionEventi
I testamenti: Herbert Schuch, pianoforte
16-09-2012: Festival Internazionale di Musica “Notte e Sogni”

Dopo un giorno di travaglio,
a te,
o notte,
affido pensieri,emozioni ed inquietudini,
e tu,
solo tu,
o notte,
rispondi,
con la serenità e il silenzio
di chi tutto accetta,
di chi tutto accoglie,
di chi tutto offre,
e di chi tutto
consacra.

(Elena)


Cuscini rossi e neri sistemati sul palcoscenico per accogliere il pubblico. Piccoli lumini tutt'intorno. Buio in sala. Il giovane pianista rumeno Herbert Schuch sembra raccogliere in un' unica forza ogni suo sentimento per donarlo alla tastiera prima di cominciare a suonare. E irrompe la gioia ritmata vivace ma velata di profonda malinconia dell'Undicesima Bagatelle op.119 di Beethoven che sembra descrivere  lo stato d'animo proprio del pellegrino perennemente sospeso tra la ricerca di nuovi mondi e il rimpianto per un passato che ormai non tornerà. Con le sue Variazioni sugli Spiriti (Gewissen), Robert Schumann sprofonda nella più cupa amarezza mentre le tenebre della pazzia si sono ormai impossessate della sua anima. La follia diviene compagna del compositore e del suo genio creativo come un flusso di coscienza in cui tutto pare ripetersi ciclicamente e, come sua musa ispiratrice, lo conduce  ad esplorare orizzonti che si aprono oltre le logiche della ragione.   Ed ecco Mozart, quell'eterno bambino, dallo stile musicale limpido e cristallino, il quale riesce a raggiungere le viscere più profonde o le più alte vette della spiritualità umana.  Nei movimenti della sua Sonata in Re maggiore KV 576 si agitano e si inseguono tutte le emozioni e le passioni mentre  la melodia le accompagna costantemente con i suoi costanti crescendi e diminuendi. E come poteva mancare Schubert con la Sonata n°23 in si bemolle maggiore D 960 in cui i temi musicali caratterizzati da una certa semplicità sembrano alternarsi in modo quasi ossessivo? La notte, si svela allo spettatore come un testamento composto alla fine di ogni giorno o alla fine della vita e  il suo cielo, sereno o tempestoso, pone l'uomo di fronte a se stesso e alla sua esistenza, facendo riemergere fantasmi di solitudine che parevano ormai dimenticati.  

Elena Toffoletto

Inserisci un commento:
 
Nome:
Email:
Pubblica: Nome   Email
Oggetto:
Commento:
[codice di sicurezza]    
   
 
   
Tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i contributi non dovranno in alcun caso essere in contrasto con norme di legge, con la morale corrente e con il buon gusto.
I contributi che risulteranno in contrasto con detti principi non verranno pubblicati.
  VIDEO: La trasmissione televis...
  UTILITÀ
   PUBBLICITÀ


[separatore]

LOGIN
Registrati  |  Password?
[separatore]

[facebook]
 

[separatore]

Seguici
su
[seguici su twitter] Diventa un
Fan su
[diventa un fan su facebook]

[separatore]

[]

[separatore]

[]

[separatore]

NEWSLETTER
Vuoi ricevere le nostre News anche senza essere registrato al sito? Iscriviti qui!
iscrivi    rimuovi

[separatore]

[]

[separatore]

[layout]
© Portogruaro.Net - VISYSTEM Editore by TVO srl
Iscrizione Tribunale di Venezia n. 10 del 05/05/06 - ROC n. 37738